Desiderio di sottomissione

Inginocchiata davanti a lei, inizio a baciarle e leccarle i piedi, guardandola aspetto un suo cenno per dirigermi più in alto.
aprire i pantaloni e ritrovarmi ad annusare il suo membro, desiderarlo, spostare l’intimo per poi dedicarmi al suo cazzo.
un pompino lungo ne segue, alternato a dolci baci, calde leccate e vogliosi risucchi.
le offro il mio corpo, qualsiasi mio buco è il suo, libero di godere dove più la eccita.
Il mio desiderio piu’ grande è ripulire il suo seme dopo l’orgasmo, per non perderne una sola goccia.
Da brava cagnetta, per farla eccitare ulteriormente, mentre le faccio un pompino passionale,dove accolgo il suo cazzo fino in gola, strofino la mia fica sulla sua gamba, libero di sentire quanto piacere mi procura avere l’onore di leccarla.
Accucciata sulle gambe porto dunque la fica contro le sue caviglie, mi sforzo di venire avanti per strusciarmi a lei, l’immagine che ne deriva è la seguente: le tette alte che poggiano contro le sue palle, i capezzoli turgidi che strofinano su di esse, si bagnano della mia bava mentre ingoio il membro pulsante, le mani lungo il fianco attendono frementi di toccare quella calda carne che scompare nella mia bocca.
….faccio un cenno per farle capire la mia ovvia disponibilità nell’essere scopata, mi stacco dal suo membro per fare una piccola rotazione su me stessa, a quattro zampe mi giro e le offro il mio fondoschiena, lo alzo, per farle capire che se vuole, basta un gesto e potrebbe scoparmi.
Qui la mia immagine cambia: la faccia distesa sul pavimento, le cosce larghe e la mia voce eccitata di sottofondo che implora di essere usata in qualsiasi buco a suo piacimento.
Chiudo gli occhi ed attendo, la sento salire su di me, sulla sua cagna da monta, zuppa dei suoi umori, della saliva che non è riuscita a contenere nella bocca piena del membro, mi tiene per la coda lunga e schiacciandomi a terra mi porta i piedi alle spalle e Ansimando inizio a ringraziarla e a pregarla di sfondarmi, di farmi male, di umiliarmi.
le chiedo di avere l’onore di leccare i suoi piedi mentre lei mi monta.
Meravigliosa è la scena che si crea in quella stanza, io, la sua vacca, sfrontata, elegante, vacca sofisticata, troia, ammiccante….
Lei, un uomo ai miei occhi bellissimo, trasformatosi in Padrone, mi scopa ed ha il pieno controllo su di me.
il piede scivola veloce fino ad arrivare dentro la mia bocca, inizio a leccarlo mentre mi sento allargare il culo, a dovere.
Sento la sua eccitazione crescere insieme alla mia, so che ormai non riuscirebbe piu’ a fermarsi quindi mi lascio andare, mi lascio inculare mentre sento chiaramente dei colpi sul sedere, netti, precisi, costanti, uno schiaffo dopo l’altro fino a sentirmi totalmente in suo possesso. Lei è compiaciuto nello sputarmi in faccia e contemporaneamente nello scoparmi la bocca con il piede.
‘’bestia da cazzo, ora si che sei stupenda’’, ‘’ora si che puoi essere te stessa’’ , sono le uniche parole che sento dopo molto tempo, mai sentite parole piu’ vere, piu’ sentite, piu’ belle.

Ad ogni suo sputo la ringrazio.
la mia bocca,oscenamente larga per accogliere il suo piede, ansimante mi faccio cosi scopare la bocca mentre mi sfonda il culo dolorante ma voglioso, come la mia fica, che cola in modo osceno i miei umori.
sento allentarsi le pareti del mio culo, ogni cosa in me si arrende ai suoi colpi che mi aprono, presa dall’eccitazione inizio a succhiare più forte il piede, mi sento troia, troia come non mai e questo lei lo percepisce e la incita ad aumentare i colpi, gli schiaffi, gli sputi,
siamo ormai in uno stato di degrado, splendido e zuppo di umori.
Ormai arresa ovunque, mi concedo a lei.
Continua a leggere Desiderio di sottomissione

Racconto di un pescatore


Giorgio come tutte le domeniche si trovava su una riva di un famoso
fiume della pianura padana.
Il sole stava salendo e lui ormai aveva finito di pescare.
Si mosse con la barca verso l’insenatura che lui ed altri usavano come porticciolo, e noto’ subito che
qualcosa non andava per il verso giusto.
Vide un automobile di grossa cilindrata parcheggiata di fronte al capanno dove metteva a dimora gli
attrezzi e sentiva le urla di un uomo.
Attracco’ cercando di fare meno rumore possibile, scese e si nascose dietro il suo capanno cercando
di guardare da una finestra laterale cose stesse succedendo.
Rimase a bocca aperta nel vedere la scena che si svolgeva nel suo capanno.
Due energumeni vigilavano sulla porta mentre un terzo aiutava una elegantissima donna a
sodomizzare un uomo dall’apparenza insignificante, anche perché’ era nudo e riverso su un lettino e
di piu’ non si riusciva a capire.
Evidentemente era una specie di regolamento di conti che avevano pensato di regolare in un luogo
fuori da occhi indiscreti come quei capanni potevano sembrare a prima vista.
La donna dava ordini e l’energumeno eseguiva.
Il poveretto legato, urlava e supplicava pietà, mentre l’uomo alto circa 2 metri e una vita passata in
palestra gli infliggeva senza battere ciglio le varie punizioni.
La situazione non era del tutto chiara quando dopo pochi minuti, la donna inizio’ a spogliarsi.
Giorgio capì che forse non era un semplice regolamento di conti ma una pratica sessuale di quelle
strane che i ricchi si permettono e si organizzano perché annoiati e senza stimoli.
Nel pensare questo urto’ un attrezzo e fu scoperto.
Fu subito preso e portato in malo modo dentro al capanno.
La donna lo guardava con aria di sfida e mentre lui cercava di spiegare che quello era il suo
capanno lei continuava imperterrita a spogliarsi.
Rimase nuda, completamente nuda, e finalmente gli rivolse la parola.
” e cosi’ sei tu il proprietario di questo letamaio …. Bene per ricompensarti dell’utilizzo che ne
stiamo facendo ti onorero’ con le mie attenzioni sempre che tu non intenda invece essere PAGATO
dai miei ragazzi.”
Giorgio capi’ al volo e rispose che preferiva avere a che fare con lei, e che lui non avrebbe mai detto
nulla a nessuno e anzi se volevano potevano tornare li anche altre volte e lui non avrebbe più
disturbato.
La donna diede ordine ai ragazzi di spogliarlo.
I due giganti eseguirono l’ordine con estrema perizia e delicatezza, Giorgio aveva 23 anni alto 1,75
fisico normale, ma non certo atletico.
Giorgio chiese chi era l’uomo riverso sulla sua branda e la donna gli rispose con una sonora risata
che l’essere era il suo servo – marito.
La donna si avvicino’ a Giorgio, lo annuso’ a distanza e quindi lo tocco, prima sul petto poi scese e
senza tanti giri gli prese in mano il cazzo, aveva un colore scuro e un odore pungente, era sudaticcio
e dava l’impressione di essere molto poco pulito.
La donna lo palpo’ una o due volte e poi si annuso’ le mani e disse:
“Ci si lava poco da queste parti eh ?”
Giorgio arrossi’ e si spavento’ un poco ma la donna lo tranquillizzo’ subito
” ma la cosa non ci dispiace perché’ devi sapere che io ho sempre con me il cesso personale, eccolo
la sul tuo letto”
Il marito venne sbavagliato e gli fu ordinato di pulire con la lingua il cazzo di Giorgio; il quale fu
preso da un senso di angoscia e si senti’ sperduto.
Non aveva mai fatto certe cose e non sapeva come reagire.
Gli fecero capire tutto i due giganti che letteralmente lo sollevarono e lo portarono a portata di
“cesso”.
L’uomo, senza guardarlo neppure, apri’ la bocca e con la lingua si fece scivolare in bocca il cazzo di
Giorgio, che tra l’altro era molle come non mai.
L’uomo inizio’ a leccare esternamente le pelle del prepuzio e inizio’ a leccare le palle pelose e
puzzolenti.
Giorgio non capiva più nulla ma si rendeva conto che la cosa gli provocava un certo turbamento.
Si volto’ verso la donna che nel frattempo aveva iniziato a toccarsi il seno con una mano e la figa
con l’altra.
La donna vedendolo gli ordino’ di urinare nella bocca dell’uomo, ma Giorgio non riusciva proprio a
fare una cosa del genere, sia perché provava pena per l’uomo cesso sia perché non era in condizioni
per pisciare.
La donna glielo urlo’ di nuovo ma nulla!
Finche’ non gli arrivo’ un colpo preciso alla schiena e capi’ che doveva sforzarsi altrimenti le cose
sarebbero andate per il verso sbagliato.
Si concentro’ e finalmente inizio’ a pisciare; ne fece davvero tanta perché’ era da almeno 3 ore che
non pisciava più e rimase senza fiato quando si rese conto che l’uomo con in bocca il suo cazzo
aveva bevuto TUTTO! non gli era sfuggita nemmeno una goccia.
Stranamente finito di urinare si senti’ eccitato e in breve tempo gli si impenno il suo ragguardevole
cazzone.
Pian piano che si induriva gli si scopriva la cappella e cosi’ l’uomo li sotto pote’ con la lingua pulire
anche i residui biancastri e odorosi che si formano sotto il prepuzio.
Erano almeno due giorni che non si lavava e di roba sulla cappella e sotto il fungone ne aveva in
quantità, l’uomo ad un certo punto provo’ una smorfia di disgusto e Giorgio capendolo cerco’ di
ritrarsi, ma fu rimesso a forza al suo posto.
Con il cazzo in tiro al massimo Giorgio inizio’ a provare molto piacere per il pompino da favola che
gli stava facendo l’uomo e gli scappo un mugolio leggerissimo.
La donna a quel punto li interruppe e ordino’ loro di sedersi sul lettino.
Giorgio si sedette e noto’ che l’uomo affianco era completamente depilato e aveva una erezione da
paura.
Non aveva mai visto un uomo depilato e la cosa lo eccitava molto.
La donna se ne accorse e gli ordino’ di giocare con il cazzo del marito mentre le si sarebbe data da
fare con il suo arnese.
Gli si inginocchio’ di fronte e si infilo’ l’enorme cazzo di Giorgio fino in fondo alla gola.
A Giorgio manco’ il fiato per la forza e la precisione con cui si sentiva risucchiare il cazzo. Continua a leggere Racconto di un pescatore

La puledra e il suo stallone


Paola e Giorgio sono due amanti felici, perche’ fin dal loro primo incontro fu evidente che entrambi
amavano il sesso in tutte le sue manifestazioni comprese le piu’ strane anomalie e perversioni, e
quindi avrebbero potuto trarre dai loro rapporti il massimo piacere. Paola adorava le calze a rete a
mezza coscia, i guanti di pelle nera al gomito, le tute e le scarpe di vernice a tacco alto: cosi’ vestita
si sentiva tremendamente su di giri, pronta a tutto, perversa ed eccitata prima ancora che Giorgio
iniziasse ad esibire il suo robusto membro di proporzioni molto interessanti.
Le piaceva molto iniziare l’incontro pomeridiano in chiave sadomaso: Giorgio era ammanettato e
ridotto alla catena, come un cane in attesa del padrone. Il suo uccello a quel punto era gia’ eretto e
duro e lei si sditalinava con le dita guantate di pelle nera come antipasto, finche’ le prime gocce di
umore non iniziavano a bagnare i guanti attillati ed elastici.
Giorgio doveva renderle un dolce omaggio, passando la punta della sua lingua sulle scarpette di
vernice lucente, finche’ Paola non si dichiarava soddisfatta del suo attaccamento e, fattolo rialzare,
lo ricompensava masturbandolo teneramente, mentre lui fissava in estasi il suo viso truccato da gran
puttana, dagli occhi lucenti e invitanti e dal sorriso avido e lussurioso. Con una mano gli stringeva
al collo ansante una corta catena e con l’altra manovrava decisa il cazzo sussultante, fino a quando
non aveva raggiunto la grandezza e la durezza ottimali per il coito. Allora si stendeva folle di voglia
sul divano ricoperto di pelliccia bianca e mostrava il culo invitante e morbido a Giorgio che si
infilava con un gemito di sconvolgente estasi e libidine nella bella fighetta aperta e rosseggiante tra
il pelo biondo scuro, che attendeva solo quel momento per riempirsi di umori e vibrazioni.
Mentre lui scopava con furia selvaggia, Paola apriva ad una ad una tutte le lampo della tuta di pelle
nera e ne estraeva i seni gonfi di desiderio, che prima avrebbero assaggiato i dolci pizzicotti e le
carezze delicate dei suoi guanti lascivi, e poi le carezze piu’ calde e umide della lingua saettante di
Giorgio… Quando il cazzo si metteva a pulsare sempre piu’ velocemente e Paola si accorgeva che
l’orgasmo era vicino, abilmente si sfilava quel bel pistone di carne dalla figa e, con pochi movimenti
veloci del pugno, lo faceva esplodere con schizzi di sborra calda sul proprio ventre, contratto da
quel piacere intenso ed appassionante.
Era bellissimo infatti costringere poi Giorgio a piegare il viso sudato tra le sue cosce, a strofinare il
naso tra i riccioli biondi del pube, raccogliendo con la lingua le gocce di sperma rimaste invischiate
e ripulendo alla perfezione con colpi magistrali di lingua il suo sesso ancora umido e pulsante. Il
piacere che le procurava tutto questo rituale la eccitava ancora,
e stavolta era la sua bocca calda ed esperta a prendersi cura del cazzone dell’amante, imboccandolo,
lisciandolo con la linguetta agile e maliziosa, succhiandolo teneramente, finche’ il molle ciondolo
non riprendeva vitalita’ e forza e non riempiva di gioia la sua bocca avida di troia navigata.
L’arte del pompino l’aveva imparata da una vecchia zia viziosa di Bologna, che per anni l’aveva
esercitata con entusiasmo e passione, e che l’aveva trasmessa alla nipotina tanto bene che in breve
l’allieva aveva superato la maestra. Paola ricordava ancora, a distanza di anni, i pomeriggi interi
trascorsi a succhiare cazzi finti di pelle e di gomma dura, sotto lo sguardo vigile ed eccitato della zia
Luisa, finche’ non era stata soddisfatta dalla sua perizia di succhiacazzi e le aveva consentito per la
prima volta di sperimentare un cazzo vero, quello sodo ed animalesco del garzone del lattaio, un
ragazzone muscoloso e virile di diciotto anni che la zia aveva traviato un anno prima e che tutti i
giorni si fermava da lei per fornirla oltre che di latte, anche di sperma fresco (o caldo)..
Quando Paola succhiava Giorgio, chiudendo gli occhi, aveva ancora l’impressione di spompinare
quel ragazzo superdotato di cinque anni fa. Dopo di lui era stata la volta di altri trenta, cinquanta,
cento uomini, alcuni presi anche in coppia o addirittura a tre per volta! Fino a quando non aveva
incontrato Giorgio, lei non aveva avuto piu’ ritegno alcuno, e il sesso era diventata l’unica sua
ragione di vita. Ora la verga esigente ed instancabile di Giorgio aveva riempito la sua mente, la sua
vita e sentiva che non ne avrebbe avuto piu’ necessita’ di altri per un bel pezzo.. Anche se non per
sempre! La sua calda sborra era densa e saporita come uno sciroppo, e quando gliela riversava in
bocca o nella fighetta golosa, le pareva di essere in paradiso: la ingoiava avidamente, come un
nettare divino, se la faceva colare lentamente tra le labbra, l’assaporava gioiosa e sensuale come una
cagna in calore. In quei momenti non si sentiva piu’ una dominatrice di uomini sicura di se’ ed
esperta tanto con la frusta che con le catene, ma diventava una puttana vogliosa, una vacca, una
schiava d’amore pronta a tutto pur di godere e di far godere il suo maschione. Si apriva la figa con
entrambi le mani e supplicava Giorgio di possederla fino a farla urlare dal desiderio e dal piacere,
infilandole con violenza il cazzo dentro fin negli intestini, sfondandola davanti e di dietro, e
riempiendola di sperma fino alle orecchie!
In quei momenti lui, da stallone sottomesso, diventava il suo padrone indiscusso ed assoluto, e il
suo uccello era lo strumento della schiavitu’, lo scettro del potere, un vero e proprio bastone del
comando.. Simbolico e letterale.. Le urla di piacere selvaggio di Paola riempivano tutto
l’appartamento mentre Giorgio la violava posteriormente, dilatandole il culetto
deliziosamente stretto e verginale e inculandola con la passione di un uomo delle caverne che abusa
bestialmente per la prima volta della sua donna, e ne scopre inaspettatamente delizie nascoste. Continua a leggere La puledra e il suo stallone