Il Milanese

 

Il volo proveniente da Milano stava per atterrare, e dentro quell’aereo c’era lui , Il Milanese

Avevo un ansia tremenda, quell’aereo che atterrava e la voglia di conoscerlo, era tanta
…poi finalmete arrivo’.
In un primo momento avrei voluto andarmene, ero quasi pentita , ma la voglia di assaporare quel momento era grande e cosi’ mi feci coraggio.
E poi quell’uomo conosciuto in chat , mi piaceva, anche se era piu’ grande di me.
L’ho riconosciuto subito, ci siamo subito abbracciati e poi salimmo nella mia auto.
Per strada gia’ notavo che lui mi guardava tutta , come se mi stesse facendo una radiografia e comunque , lo lasciai fare, poi mi fermai in un bar e ci sedemmo un po’ a parlare , davanti ad una bella tazza di caffe’.
Ero gia’ tutta bagnata sotto, solo al pensiero di averlo accanto e quando parlava mi eccitavo sempre di piu’.
Speravo che quella giornata finisse insieme a lui dentro un letto, la voglia era tantissima , ma non sapevo come fare per farglielo capire.
Poi mentre parlavamo lui mi accarezza la mano e io sento un brivido di freddo che mi assaliva per tutto il corpo, cosi’ lui lo capi’ subito e mi strinse la mano.
Poi mi dice : Che si fa di bello ??
bhe, gli rispondo : Potremmo andare un poi’ in giro a vedere la zona , ti potrei far vedere le bellezze del posto….lui mi blocca dicendo : Ma gia’ di bello qui’ ci sei solo tu..e poi a me basta stare con te,se ho fatto tutta questa strada , l’ho fatta solo per conoscere te e non per conoscere i luoghi.
Quella frase mi ha provocato un battito cardiaco incontrollabile e da quel momento capi’ che quel milanese poteva chiedermi qualsiasi cosa…..
Cosi’ si siamo di nuovo messi in macchina senza nessuna meta e intanto parlavamo….ma..
Per puro caso abbiamo incrociato una grossa insegna con su scritto : bed & breakfast, ci guadammo in faccia e tutte due abbiamo esclamato : Ci andiamo ??…Detto, fatto.
Un localino veramente carino e tranquillo, ci accomodammo in camera, che poi era un mini appartamentino con cucinino , camera da letto e un bel bagno.
Cosi’ pensammo di pranzare nello stesso…ma prima di fare la spesa , il Milanese voleva farsi una doccia.
Cosi’ va nella camera da letto e si spoglia per entrare in bagno. Io intanto in cucina , istintivamente accendo la tv.
Si sentiva l’acqua scendere e pensavo a lui … nudo e bagnato , ero tutta bagnata anche io e la mano mi scendeva giu’ , sentivo che stavo per venire e sento chiamare , era lui che mi diceva : perche’ non vieni anche tu a farti la doccia qui’ con me ??…arrivo !! …risposi
Immediatamente mi spogliai lasciando tutto durante il tragitto , tra la cucina e il bagno , a terra c’erano la mia gonna , le scarpe, le mutandine , il reggiseno , la maglietta….tutto sparso per terra.
Lui era pronto ad attendermi, li’ nudo col suo cazzo gia’ duro , pronto per me, …io entrai e lui incomincio’ lentamente ad insaponarmi, le sue mani si dimenavano nel mio corpo , io avevo chiuso gli occhi e lo lasciavo fare
Lentamente insaponava e massaggiava il collo, poi il seno stringendomi dolcemente i capezzoli, poi lungo la schiena fino al sedere e poi m’insapono’ la figa.
Massaggio dopo massaggio…l’acqua caldissima scendeva su di noi e i nostri corpi si attorcigliavano fra di essa…
Le sue mani erano ovunque, ,nella bocca ,nelle orecchie , nel collo dentro , di proprio dentro la mia fighetta bagnata di acqua e di piacere…ed entravano, uscivano, entravano, allargavano, stringevano…poi incomincio’ a leccarmela….continuamente senza stancarsi.
Ero gia’ pronta per essere scopata..ma prima volevo assaggiare il suo cazzo.
Mi abbassai giu’ e lo presi subito in bocca….e laccavo, leccavo e mordicchiavo , e l’acqua che scendeva massaggiandoci..continuavo a leccare , e piu’ leccavo e piu’ godevo…sentivo dentro di me un enorme piacere.
Ma…mentre stavo prendendoci gusto a leccare quel cazzo durissimo, il Milanese mi solleva e m’infila dentro il suo cazzone…io getto un grido di piacere istintivo …cosi’ mi scopa continuamente senza fermarsi…mentre io venivo continuamente …nn so quante volte…finche’ lui esce il suo cazzo dalla mia figa e me ri infila in bocca e la riempie di sperma caldissimo…schizzando con forza si spalma nelle labbra e scende giu’ nel collo fino alle mie tette…..mentre l’acqua ripulisce tutto…noi continuiamo a baciarci .
Finche’ stanchi , usciamo dalla doccia e ci gettiamo sfiniti sul letto ,avvolti da una grande asciugamano.
Passa una mezzoretta e io mi rimetto gli slip che erano finiti nella cucina e mentre lui si fuma sdraiato una sigaretta, co0n quelle poche cose che avevamo li’, preparo qualcosa da mangiare .
Ogni tanto do’ un occhiata a quell uomo nudo sdraiato e la cosa mi eccita tantissimo.
Dopo aver cucinato qualcosa , mangiamo e pensiamo di riposarci un po’ ..ma non riusciamo a dormire pefche’ abbiamo troppe cosa da dirci, da raccontarci,…la curiosita’ di conoscerci meglio era tantissima.
Parlavamo continuamente di tante cose e spesso ridevamo , anche di cose sciocche…..ma il mio pensiero era altro, la voglia mi era tornata e… speravo che mi scopasse di nuovo.
Non passo’ molto tempo che…mi allungo’ la mano nella figa ed esclamo’ : vediamo se la passerina e’ pronta per essere leccata !!
Solo al pensiero mi bagnai e lui lentamente entro’ dentro due dita…che piano piano si muovevano , poi si avvicino’ la testa e la bocca e incomincio’ a leccarmela……fantastico !!
Venivo continuamente , e sentivo schizzare tutto sulla sua lingua che ogni tanto leccava la mia e ci scambiava il liquido del piacere.
Ma era il momento di succhiare il cazzo , non vedevo l’ora di mettermelo in bocca, lo afferrai’ come se fosse una pretesa, me lo infilai subito in bocca e incominciai a succhiare, succhiavo e s’induriva sempre di piu’, mentre lui godeva come un maiale.
Me lo entravo tutto , fino in gola…che gusto quel cazzo , lo menavo e lo succhiavo…per un bel quarto d’ora …poi, lo volevo dentro,gli dissi : dai…infilamelo nella figa che sta scoppiano di voglia….
Mi sollevo’ e m’infilo’ di rabbia quel cazzone , gridando : ti spacco troia , prendi il tuo bel cazzo !!
E comincio’ di nuovo a scoparmi, in tutte le posizioni, sapra il letto , a terra, sul tavolo della cucina, in piedi, seduti sulla poltrona e poi… disse : adesso e’ il momento di passare all’entrata di emergenza…e io risposi : scusa ma di solito non e’ l’uscita …d’emergenza ??, certo , disse ma io ti entrio il cazzo e quindi e’ un antrata….cosi’ senza neanche chiedermi il permesso , esce il cazzo dalla mia figa e me lo ficca in culo…..
Gridai ,il dolore si sentiva …ma subito dopo…il dolore si era gia’ trasformato in un enorme goduria, non capivo piu’ niente, le mie mani andavano ovunque, non sapevo se gridare se piangere , se ridere , era tutto troppo fantastico.
Lui si alternava , entrava ed usciva , un po’ nella figa e un po’ nel culo….e io che morivo di piacere….per una mezzora era cosi’..finche’, usci’ di colpo il suo cazzo …mentre io ero inondata del mio sperma fino ai piedi….
e….prendendomi per i capelli , senza farmi male , avvicino’ la mia testa verso il suo cazzo e me lo infilo’ in bocca e intanto si masturbava…io lo sentivo gia pronto ad eruttare come un vulcano…..infatti ..schizzo’, lo sperma caldissimo , mi riempi’ la bocca ….che goduria !! lo leccai tutto fino all’ultima goccia, per non sprecarne neanche un po’.
A questo punto ci accorgemmo che’ si era fatto veramente tardi e mio marito poteva cercarmi e magari preoccuparsi , quindi , ci vestimmo e andammo via….anche l’aereo aspettava il mio bel Milanese e quindi dovevamo sbrigarci…ma prima di farlo partire ha dovuto promettermi che sarebbe tornato…e io lo aspettero’ per replicare questa stupenda giornata.