QUELLA PORCA DI MIA MADRE 2

Era un’estate iniziata come tante altre mia madre mi chiese di accompagnarla in vacanza, mentre mio padre restava a casa dato che doveva lavorare, andammo a stare una settimana nella nostra villetta la mare.
Il giorno dopo che siamo arrivati mia madre mi propone di andare al mare e ci dirigiamo verso la spiaggia però non notai subito che si trattava di una spiaggia per nudisti, a mia madre piace molto stare nuda a prendere il sole,in fatti quando mio padre non c’è in villa prende sempre il sole nuda in terrazzo, ma a me non piaceva, mi sentivo a disagio tutte le volte che mi ha costretto ad accompagnarla e mi mettevo nudo mi veniva sempre il cazzo duro e mi mettevo in imbarazzo anche se negli ultimi anni ho imparato a controllarmi un po’, comunque arriviamo in spiaggia troviamo un posto dove stendere i due asciugamani e poi iniziamo a spogliarci, mia madre inizialmente resta in costume poi toglie il reggiseno mostrando la sua bella quinta naturale e dopo le mutandine mostrando la sua fica pelosa ma ben curata e le sue cosce da 48 enne grosse con un sedere altrettanto grosso anche se con qualche smagliatura,ma nel complesso una donna eccitante, tantè che molti uomini e ragazzi si giravano verso di lei a guardarla.
Mia madre andò a farsi il bagno mentre io restavo sulla spiaggia poi al suo ritorno si asciugò mettendosi al sole ed io mi andai a fare il bagno, dopo un po’ che ero in acqua mi girai verso la spiaggia e notai che mia madre non c’era allora uscii dall’acqua e mi feci un giro per tutto lo stabilimento balneare per trovarla, fino a quando arrivai in una specie di vicoletto e mi ritrovai una scena incredibile mia madre che scopava con tre uomini, uno nella fica, uno nel culo e uno in bocca per la sua insaziabile voglia, mi sono goduto tutta la scena di come la montavano da vera vacca fino a quando le sborrano da per tutto, dopo di che vado via per non farmi vedere ma quella scene mi era rimasta impressa e mi ha eccitato tantissimo, arrivo in spiaggia e una quindicina di minuti dopo arriva mia madre con un aria stremata:
< mi spalmeresti l’abbronzante voglio prendere il sole>
< si certo >
lei si sdraio a pancia sotto ed iniziai a spalmarle sulle spalle e fin sulla schiena l’abbronzante, però mentre lo facevo avevo sempre davanti agli occhi la scena di poco fa e il pene mi veniva durissimo tanto che mentre le spalmavo l’olio il mio cazzo si strusciava prima sul suo culo e poi sulla sua coscia ma lei anche se sono sicuro che se ne era accorta non mi aveva detto nulla, dopo aver finito vada a farmi nuovamente il bagno per cercare di raffreddare i bollori.
Arrivata l’ora di pranzo andiamo a casa e tutta la giornata prosegue normalmente, il giorno dopo andiamo al mare però mi porta presto ad una spiaggia libera dove non c’era nessuno e anche li si mette nuovamente nuda:
< ma qui non è una spiaggia nudisti>
< si lo so ma visto che non c’è nessuno e da qui il nudismo e praticato non ci trovo nulla di male a stare nuda>
<ok>
< dai togli anche tu il costume, se dovesse venir gente allora te lo rimetti>
io avevo il pacco che si stava gonfiando, oltre ad avere sempre quella scena di ieri in testa non scopavo da circa un mese ed avevo le palle davvero gonfie e prima o poi sarei esploso, mia madre nel frattempo si sdraia a pancia sotto sull’asciugamano e mi chiede di spalmarle l’abbronzante io come sempre obbedisco, parto dalle spalle e continuo fino a fermarmi sopra la schiena:
< dai continua anche sul culo e sulle cosce>
< va bene>
continuai ed arrivai a spalmarglielo anche sul suo culone, lo accarezzavo da tutte le parti e a lei sembrava piacere:
< ma lo sai che sei bravo >
< grazie e tu hai davvero un bel culo lo sai?!>
< davvero? Ti ringrazio.allora ti do il permesso di massaggiarlo tutto il tempo che vuoi>
< ti ringrazio >
cosi continuai le accarezzai il culo, nel farlo scesi fra le sue natiche fino a trovare il suo ano, lo massaggiai un po’, poi delicatamente li feci entrare il mio indice destro tutto dentro, lei sobbalzò un attimo e poi inizio a dondolare il suo culo per far meglio entrare il mio dito, iniziai a muoverlo su e giù:
<dai su continua, non ti fermare >
così continuai, poi con le altre dita scesi più giù e le toccai la fica che era tutta bagnata e si stava aprendo per l’eccitazione, a quel punto tolsi l’indice dal culo di mia madre e lo feci entrare insieme al medio nella sua vagina e la masturbai tutta, mentre il pollice lo affondai nel suo ano:
< dai si continua non fermarti sei bravissimo>
lei ansimava sempre di più, mentre nella sua fica sentivo lo sciacquettio delle mie dita segno che si stava bagnando tutta, poi:
< perchè non ti siedi sulle mie gambe e continui da li il tuo massaggio?!>
così feci mi sedetti sulle sue gambe e continuai a masturbarla, mentre con il bacino muovevo avanti e in dietro il mio pene oramai indurito che strusciava fra le sue natiche sfiorando il suo ano, non ce la facevo più dal mio pene iniziavano ad uscire le prime gocce di sperma segno che stavo per cedere, a quel punto tolsi la mano dalla fica di mia madre mi misi su di lei, puntai il mio pene sul suo ano e lo spinsi prima con un po’ di forza e poi entrò tutto dentro il suo culo,lei sbattè un po’ il culo per agevolarmi l’ingresso, la bloccai con le braccia e iniziai a spingere:
< siiii bravissimo continua così più forte dai più forte montami come una puledra fammi sentire tutta la tua mazza dentro il mio culo>
non mi feci pregare e continuai , ma dato che ero straeccitato dopo pochi colpi venni subito e le riempii il culo di sborra, restai un po su di lei e poi le sfilai il cazzo dal culo e mi sedetti accanto a lei, mentre mi stavo alzando per andare a fare il bagno mi fermò:
< bè ora che mi hai messo la voglia ti vuoi fermare così?>
si girò a allargò le gambe come in una spaccata invitandomi ad entrare anche nella sua fica e così feci la presi da sotto le cosce e la penetrai iniziai a pomparla con sempre più forza sempre più velocemente fino a quando non venimmo insieme lei mi bagnò tutto il pene e l’asciugamano dei suoi umori e io le sborrai nella fica tutto lo sperma che mi restava, diedi qualche altro colpo per far uscire anche l’ultima goccia di sperma e poi le sfilai il cazzo dalla fica che lei prontamente prese a leccare tutto, poi mi alzai e andai a farmi il bagno:
< sei stato davvero bravissimo, non pensavo avessi una mazza così grossa e dura, la prossima volta che hai bisogno di sfogarti fammi sapere sono a tua disposizione>
< grazie sei una mamma speciale> e così andai a farmi il bagno ,ma da quel giorno in avanti tutte le volte che dovevo sfogarmi sapevo come fare.

 

By Edo Phoenix